Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Breve storia

dell'edificio che ci ospita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il monogramma "GB" - Giuseppe Bresciani, esteso alle figlie Gemma, Gioia, Gervasia e Gaia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella Bracciano tra le due Grandi Guerre del secolo scorso fervono i cantieri del suo nuovo cuore: la Scuola Elementare intitolata al politico "Tommaso Tittoni", i palazzi su Via XX Settembre a "riempire" cortile, orto e cimitero dell'ex Convento delle Suore del Divino Amore, appena spostatesi a Palazzo Floridi, e l'intero nascente Rione Stazione...

 

Qui già durante i primi Anni Venti, Giuseppe Bresciani e Camilla Ercoli, ambiziosa coppia in ascesa sociale grazie ad una fortunata avventura imprenditoriale, decidono di costruirsi un elegante "villino toscano con torrino" in stile Liberty,  ancora immerso nel verde (sotto nel 1921)  poi via via sostituito dai palazzi edificativi nel decennio successivo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Edificio Scolastico con panorama del lago"

A sinistra l'appena terminato "Villino Bresciani" immerso nel verde,1925

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'"imposto" è all'epoca un enorme deposito industriale a cielo aperto di proprietà del Principe Odescalchi, a ridosso di quella ferrovia Roma-Viterbo a fine Ottocento da lui e dal Tittoni portata - anche deviandola notevolmente - in mezzo ai campi di Anguillara Sabazia, nel nulla di Crocicchie e qui a Bracciano attraverso il futuro centro del paese.

 

Palesemente di carattere tutto economico le prevalenti motivazioni dell'infrastruttura: valorizzare gli investimenti terrieri del Tittoni nei dintorni di Anguillara Sabazia, facilitare la transumanza a Crocicchie e, qui a Bracciano, rendere attuabile il trasporto su scala industriale del legname non lavorato proveniente dagli estesi boschi del Principe.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Bresciani

"Mastro Peppe"

 

Camilla Ercoli

la "Sora Camilla"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Bresciani edificheranno la nuova residenza proprio su una porzione dell'imposto, uno di quei lotti con cui Sua Altezza, a corto di contanti, salderà all'intraprendente "Mastro Peppe" l'installazione del primo centralino telefonico locale, a collegare il Castello con le sue "tenute" agricole, vinicole e boschive sparse a corona nel circondario.

 

Nel 1925 la sempre più benestante famiglia si trasferirà così al quasi terminato "Villino Bresciani" dall'appartamentino di due camere e cucina al "Pratoterra", diventato ormai "troppo sacrificato" con quelle quatto figlie piccole, generate una dopo l'altra in pochissimi anni nella sempre delusa speranza del maschio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"PRO INDUSTRIA, SCIENZA, ARTE E COMMERCIO D'ITALIA
DIPLOMA
di Medaglia d'Oro Confermativa
Ditta G. Bresciani
Perfezionata fabbrica di mattonelle
Iscritta nell'Albo d’Oro d’Italia"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A ridosso del villino e su altri appezzamenti di terreno nelle immediate vicinanze dell'abitazione, la "Ditta G. Bresciani - Bracciano" realizzerà una articolata serie di opifici che contribuirà a conferire quell'inedito carattere industriale ad un'area verde di lì a breve progressivamente integrata nel bel mezzo del paese:

 

- un capiente deposito attrezzato per lo stoccaggio di materiali da costruzione e fusti di benzina, la prima venduta a Bracciano su Via Principe di Napoli all'altezza di Piazza Dante, direttamente dal barile, semplicemente immergendovi una pompa di sentina a mano

 

- una moderna fabbrica semi-meccanizzata, che darà occupazione ad una trentina di abilissime operaie, per la riuscita produzione piccolo-industriale di mattonelle variopinte, cosiddette "di graniglia antica alla veneziana", apprezzate e vendute in tutto il Centro Italia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Ditta G. Bresciani - Bracciano" - Pavimentazioni in graniglia veneziana Made in Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- un centro di produzione di manufatti in cemento, per uso sia privato - vasche da bucato per condomini e ville, un vero "lusso" rispetto ai fino ad allora utilizzati lavatoi pubblici, che civico - sistemi cittadini di fognature per la canalizzazione di acque sia piovane che reflue

 

- uno "smorzo", per produzione artigianale e vendita di "calce spenta" e derivati, pietrame poroso di ossido di calcio mescolato con acqua in grandi vasche scavate, dando vita a reazioni di spegnimento e depurificazione fino ad una miscela densa di idrossido di calcio

 

- un mulino per sfarinati moliti a pietra, cioè macinazione in "farine" e "semole" di grano, granoturco e cereali, per conservare tutte le parti più preziose dei chicchi, in particolare crusca e germe, con quei suoi profumi complessi e sapori decisi oltre che nutrizionali fondamentali.

 

 

Sull'ultimo lotto, all'angolo Via S. Francesco d'Assisi-Via Cavour, il "Palazzo Bresciani", condominio di personale militare e civile presso l'Idroscalo, mentre l'originaria attività, un fornitissimo ferramenta già rinomato a Bracciano e dintorni per attrezzature agricole ed edili, fisso a Via Principe di Napoli fino a cessata attività Anni Sessanta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Villino Bresciani - Motivo del fregio Liberty, dono del cugino artista Francesco Bresciani, Napoli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo essere stati lasciati cadere in totale abbandono, sia il bel "Villino Bresciani" che gli imponenti "Annessi" saranno salvati in extremis da alcuni degli eredi con un complesso e radicale, rispettoso anche se modernizzante restauro tra gli Anni Ottanta e Novanta, tutti gli opifici circostanti cancellati da palazzine residenziali - la fine di un'epoca!

 

Il "Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria 'G. Bresciani' ", un nome storico quindi, avrà ingresso da Via Ettore Latini 21, proprio su quella superfice una volta occupata dalla fabbrica con il suo laboratorio di impasto per colorature cementizie, pressa di compattamento idraulico ad elevata pressione e "asciugatoio", con le celle di stagionatura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers