Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Collezione Perugini

"Il lavoro povero"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il lavoro agricolo - La mietitura del grano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cambia la società cambia la lingua, così dal solito imperante Inglese work-poor e working poor ecco "lavoro povero", che oggi significa "occupazione tanto malpagata da non permettere di superare la soglia di povertà", che cioè sarebbe piuttosto lavoro miseramente retribuito, "precario", insicuro e a bassa considerazione sociale...

 

Come "Arte Povera", Anni Sessanta, dalle esperienze di Lucio Fontana e Alberto Burri dieci anni prima, con una frammentazione linguistica dell'arte in sottolinguaggi "tribali", reagisce alle globalizzanti ideologie "Pop"(olari) di cultura di massa, il cui del tutto impoverito, appiattente linguaggio "universale" tende a cancellare ogni peculiarità locale.

 

 

Il termine "Arte Povera" nasce dall’uso di "materiali poveri" o raw materials, ed oggetti quasi "banali" del quotidiano, senza l'ambizione di affermare dei "grandi valori" della nostra Civiltà, filone dell'"Arte Concettuale", Conceptual Art, speculativa, con tendenza ad esoterico "sesto senso" di relazioni tra mondo fisico e mente.

Tutto ciò di comune con quanto il museo ha intenzione di condividere è, se mai,
l'archetipale e il sensoriale, l'"utilizzo di quel poco che si ha", l'importanza delle più piccole cose in una vita di sopravvivenza, la dignitosa modestia di una obbligata più che scelta scarna semplicità, l'appartenenza al mondo "primario" dell'"essenziale".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il lavoro artigianale - Il calzolaio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel dissacrante contesto socio-culturale di "usa-e-getta", non può che affascinarci l'opera, operato e operosità di quegli ingegnosi analfabeti contadini e artigiani mente-mano abilissimi di solo un secolo fa, duro lavoro testimoniato da pochi utensili, arnesi e attrezzi sopravvissuti e all'attacco feroce del tempo e alla smemorata incuria dell'uomo.

 

Raggruppati in pannelli tematici si rimaterializzano i loro "mestieri", parlandoci di contadini "biforchi" aratori seminatori mietitori falciatori spigolatori, fabbri "fabbri ferrari" fabri ferrari maniscalchi magnani arrotini, falegnami "segantini" carpentieri fabri lignari mobilieri intagliatori, muratori "mastri" "attaccacarce" "serciaroli", "scurtori" "marmisti" scalpellini "pietraroli", "pittori" imbianchini e stuccatori, pastori "pecorari", "vaccari" "lattari" "porcari", "vignaroli" piantatori innestatori raccoglitori, fontanieri "acquaroli", "bottari" "facocchi" "carradori" tornitori, osti vinaî "tavernari", calderai "callarari" "conculinari" "coccolinari", stagnini "stagnari" saldatori, "vasari" "concia-brocche", "ombrellari", "scopari", "cordari" pettinatori canapaî cestaî impagliatori, "sellari" tappezzieri "imbastari" selle/mobili, pescatori "pesciaroli" "barcaroli", "macellari" "beccari" salumieri norcini "porchettari" "pollaroli", droghieri "pizzicaroli", "fornari" semplici fornai panettieri "dorciari", ortolani "fruttaroli", barbieri garzoni, "lanari" cardatori tessitori, sarti "sartori" "cappellari" ricamatrici magliaie "lavannare" "saponari", "carzolari" ciabattini "pecioni" "riattaccasole", orafi "orefici" incisori orologiaî, rigattieri "straccivennoli" "ferraroli" "svotacantine", tipografi rilegatori calligrafi, "sonatori" musicanti musicisti suonatori, "castagnari", "pallonari", burattinai ambulanti, "carbonari", carrettieri cocchieri "stallari", spazzacamini, venditori di ghiaccio, "acchiappacani" e accalappia "sorche", "lampionari" e tanti ancora...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Encyclopédie, ou dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers, Parigi 1751-1772

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo strano mondo non è quello del Settecento descritto da Denis Diderot e Jean d'Alembert nella famosa "Enciclopedia, o dizionario spiegato delle scienze, delle arti e dei mestieri", ma dei nostri nonni e bisnonni, da noi non lontani nel tempo, eppure per quasi impossibile da immaginare oggi, se non fosse per... 

 

Proprio così, se non rivivesse nella testimonianza silenziosa dei loro strumenti, quell'unica traccia a riaccompagnarci per mano alla essenzialità di una "cultura materiale" naturale delle generazioni appena precedenti, anni luce dal dilagante "materialismo", tutto possesso e spreco, di cui ci soffochiamo ai nostri giorni!
 


Qualcosa di magico, capace di far riassaporare
atmosfere, fragranze, immagini da tempo scomparse, solo da pochi vissute, tutt'al più incontrate nei racconti di vecchi, lasciate però assopire in qualche polveroso e rassicurante angolo della nostra memoria, da risvegliare pur un po' nostalgiche ma senza fiabesche smielature.

 

 

Torna la materia prima dei legni, metalli, pietre, terrecotte, vetri, canapa, canne, giunchi, salici, bambù, vimini, paglia, midollino, rattan, rafia, fibre "naturali" per eccellenza... sostanze e materiali quasi tutti offerti direttamente dalla natura, dai nostri antenati utilizzati per migliaia di anni fino alla nostra apocalittica plastica!

Oggetti dal sapore antico, le cui forme "classiche", fedeli verranno riprodotte per secoli e millenni su modelli etruschi e romani - aratri, gioghi, erpici, roncole, vasi, ceste - perfetti ai loro scopi, oggetti "riciclati" nella penuria di Dopoguerra, elmetti alleati e tedeschi fatti imbuti, in un mondo mai trascrittoci nei libri di storia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers