Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Collezione Bresciani

"Piccola industria"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La primissima mascherina per marchiare le casse da imballaggio delle mattonelle, ritagliata con un forbicione da lattoniere nella lamierina di una latta per lubrificante, i pezzi tenuti da una intelaiatura di tondini saldati a stagno, su cui, causa il surriscaldamento, si è "stampata" la pagina di giornale su cui è stata appoggiata per la procedura.

 

Un piccolo pur curiosissimo e significante dettaglio su un vero reperto "povero", ma che, già da solo, è in grado di raccontarci tutta una storia di ingegno, cioè quell'"arte dell'arrangiarsi" utilizzando ciò che si trova alla mano, quando si hanno idee ambiziose e per poterle realizzarle si parte non da zero, ma da sotto zero, facendo 500 lire di debito!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alcuni esempi di mattonelle di graniglia antica prodotte dalla "Ditta G. Bresciani - Bracciano"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La "Ditta G. Bresciani - Bracciano" nasce fine Prima Guerra Mondiale, in un'Italia in profonda crisi dai costi economici ed umani del conflitto, il debito pubblico porta a nuova carta moneta, a forte svalutazione e un'inflazione da far lievitare di tre volte il costo della vita, provocando potenzialmente esplosive e sovversive tensioni sociali.

 

Al ritorno dei soldati dal fronte aumenterà così la disoccupazione nelle campagne, anche se la guerra ha favorito un forte sviluppo sì ma della produzione industriale e degli investimenti sempre sì nell'industria, quella grande però, siderurgica e meccanica, a favorire soltanto prime grandi concentrazioni, come quella della torinese FIAT.

 

 

Tra il 1918 e il 1920, fatta invidiata eccezione per quei pochi che con la guerra si sono arricchiti, non solo tumulti "popolari" contro il caro-vita con gli scioperi di contadini e operai, ma gran disagio dei ceti medi di impiegati, piccoli commercianti e artigiani, che adesso temono derive rivoluzionarie ispirate all'odiato "modello bolscevico".

 

Anche Bracciano fa la fame mentre a "Peppino" Bresciani continuano a saltare tanti grilli e tante idee innovative per la testa, creativo, anarca più che mai insofferente di imposizioni ed ingiustizie, appassionato di nuove tecnologie, ancora fresco della sua lunga esperienza militare nell'Esercito con il ruolo di "specialista in tele-comunicazioni".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima pagina del libretto "proibito" "Il Socialismo" di Mastro Gervasio Bresciani,

che contribuirà alla sua pessima reputazione di "sovversivo" con successivo arresto

e conseguente, lunga incarcerazione per esplicitata "pubblica offesa al Papa"-Re...

 

Quel "nè servi nè padroni" svela chiaramente come a seconda metà Ottocento con 'Socialismo' si intenda "Anarchismo" o "Socialismo Originario", come lo chiama Karl Marx nella sua analisi un Socialismo "Utopico", in opposizione al divenendo "Socialismo Scientifico" del Comunismo!

 

(Cliccando qui o sull'immagine si può leggerne l'intero "pericoloso" contenuto... di 14 pagine,

dato che la copertina è andata persa - pagine 1-2 rispettivamente 15-16)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di una famiglia di costruttori ed artisti il Bresciani con radici a Brescia e Mantova, non in grado di pagare i suoi studi superiori a Torino, "tata" Gervasio, poi Vice Presidente della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Bracciano, accusato di sovversione, così a lungo rinchiuso nelle malsane carceri pontificie, da morire di infarto una volta graziato.

 

Peppe si invaghisce della giovane "tigre" Camilla Ercoli, nullatenente, orfana di padre già alla nascita - uniti da una gran voglia di fare e farsi valere, non potendo permettersi "viaggio di nozze" che la costruzione di quegli arredi fai-da-te per aprire in fretta un ferramenta-vetreria con annesso laboratorio, l'eclettico genialoide e l'abile donna di affari.

 


Lumini per cimitero da scatolette di razioni alimentari militari e lastrine da vetri rotti e annaffiatoi da barattoli per conserve, quindi pentolame e brocche per regali nuziali, seguiti da arnesi e poi macchinari agricoli, materiali da costruzione, sanitari, ceramiche e manufatti di cemento, fino a mettere su quella "premiata fabbrica di mattonelle".

 

Conosciuti e rispettati per generazioni nella Comunità Braccianese, e non soltanto, come la coppia "Mastro Peppe" e la "Sora Camilla", lui il mancato ingegnere e lei la mancata venditrice di vino e olio, alla fine ce l'avevano fatta, una "fortunata" piccola storia imprenditoriale locale prima metà Novecento, che vale la pena conoscere come tante altre!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                     
                                     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers