Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Collezione storica

Felluca-Perugini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Il Castello Odescalchi e panorama", una nuovissima ferrovia e l'imposto, 1899

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una parte essenziale della cosiddetta "identità locale", definita come "riconoscibilità dei luoghi" e "radicamento cognitivo-emotivo-affettivo degli abitanti" in essi, è anche conservata nelle immagini di contesti urbani e paesaggi rurali e naturali, le quali ne documentano precise i cambiamenti apportativi e sovrappostisi in successione.
 

Una "banca dati visiva" del territorio, a nitida testimonianza degli stadi passati dello sviluppo di progresso o di regressione di una Comunità, in cui si possono anche leggere le strutture mentali, i comportamenti e le rappresentazione di se stessi in rapporto al proprio ambiente, alla radice di tutti quei successivi cambiamenti documentativi.

 

 

L'importanza storica delle immagini ottimamente esemplificata dalle "cartoline", foto e disegni a riprova di una visita, non opere "d’autore" come i tanti dipinti esposti nei musei, tuttavia rilevanti di significati nell'immediata riconoscibilità di quei luoghi visitati dal mittente e l'evocazione del desiderio di visitarli in chiunque le riceva.


Nonostante la così
"tipica" scarsa qualità d'immagine, sia tecnica che interpretativo-artistica, nel Novecento la cartolina assumerà valore come fonte storica indiretta dei cambiamenti dei luoghi, soprattutto nel gusto estetico peculiare dell'epoca, che fa del "bello" elemento iconico di riconoscibilità, simbolo fisico significante.

 

 

Di Bracciano tra le cartoline più famose, quelle da far esclamare "È Bracciano!", certo due inconfondibili come "il Castello" e "il Lago", ma curiosamente anche molti altri angoli del suo così fitto tessuto urbano, tanti caratterizzanti "squarci architettonici", fortunatamente oggetto di particolare e ripetuta attenzione per più di un secolo.

 

Del Palazzo Comunale, del Lungolago, del Viale della Stazione sono andate creandosi vere e proprie gallerie fotografiche di involontario valore documentale, in un insostituibile time-lapse (dall'Inglese time, "tempo", e lapse, "intervallo", quindi una "serie di foto ad intervalli di tempo") di questo borgo divenuto paese, poi l'odierna cittadina.

 

 

Nel Piccolo Museo verranno esposti numerosi gli esempi documentali di questo "tempo storico contratto" di Bracciano e il suo circondario, al momento provenienti quasi esclusivamente dalle ricche collezioni di Luigi Felluca e Massimo Perugini , in fiduciosa speranza che molti altri Braccianesi e  collezionisti contribuiscano a incrementarli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Via Odescalchi", ombrosa tra ferrovia e imposto con trattoria all'angolo, Anni Dieci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Viale alberato della Stazione", arioso con solo il basso muro dell'imposto, Anni '20

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Viale della Stazione", la quinta pesantissima dei nuovi palazzi, Anni Quaranta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Albergo Splendore", un filare di alberi e muro già mezzi distrutti, Anni Cinquanta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Albergo Splendore", al posto del filare di alberi un parcheggio, fine Anni Cinquanta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Viale Odescalchi - Albergo Splendore", via di passeggio "alla moda", Anni 50-60

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                     
                                     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers