Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Servizi didattici e divulgativi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I musei andrebbero tutti sistematicamente utilizzati nell'insegnamento e nell'apprendimento, una "risorsa educativa inesauribile", oltre che "contenitori di comunicazione visiva", "portatori di valori sociali", nella concretezza di reperti e autenticità di documenti, ricchezza di collezioni e creativa multidimensionalità di linguaggi espositivi.

 

Il museo è infatti "un'istituzione permanente, senza fini di lucro, aperta al pubblico, al servizio della società e del suo sviluppo, che compie ricerche, acquisisce, conserva e, soprattutto, espone le testimonianze dell'umanità e del suo ambiente a fini di studio, educazione e diletto" (dallo Statuto dell'ICOM, 1951).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano - Foto di classe alla finestra della prigione al Castello, fine Ottocento primi Novecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con "didattica museale" si intende l'insieme delle metodologie e degli strumenti utilizzati da musei e scuole per rendere più accessibili ad un pubblico allargato mostre, raccolte e collezioni di ogni espressione culturale, questo concetto introdotto in Italia già nei primissimi anni di ripresa della vita civile sotto la neonata Repubblica.

 

È subito dopo la guerra che riaprono al pubblico numerosi i musei: Pinacoteca di Brera, Poldi Pezzoli e Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, Galleria degli Uffizi di Firenze, Galleria Borghese, Museo Etrusco di Villa Giulia e Musei Comunali di Roma, Museo del Sannio di Benevento, Musei Nazionali di Reggio e Messina...

 

 

La riaccessibilità dei musei coincide quindi con programmi culturali innovativi, il cui denominatore comune, pur sulla carta, è rappresentato da un grande impegno culturale e civile, in questa prospettiva proprio la scuola vista come il principale elemento propulsore per il progresso civile di liberi Cittadini e la società nel suo insieme.

Avvicinare due tali Istituzioni tra di loro e al grande pubblico, con una visione del museo, non più soltanto semplice "deposito" o laboratorio specialistico per "oggetti di cultura", quanto "crogiolo" e "produttore" di cultura, con una presentazione di natura, storia, scienza e arte, che ne faciliti la lettura e stimoli ad interpretazioni personali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano - Gli alunni della III classe elementare della Maestra Norma Matarazzo, 1953

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La funzione educativa del museo non andrebbe mai ridotta allo studio "specialistico", come luogo di "oggetti storici" e "documenti originali" in un particolare ambito, al contrario il museo va presentato e vissuto come luogo di nuove conoscenze, storie affascinanti, incontri inattesi, scoperte rivelatrici e messaggi significanti.


A sottolinearlo il museo deve a sua volta offrire
libero dialogo tra cose naturali, testimonianze storiche e vicende quotidiane del nostro sociale rapportarci con la realtà, quindi un’attività didattica che premi la lettura differenziata delle collezioni, in modo che il museo si riveli al pubblico quale terreno fertile di nuove "curiosità intellettuali".
 

 

Nei rapporti con la scuola il museo - qualsivoglia il suo genere - deve quindi offrirsi come strumento formativo multidisciplinare a ogni grado e mai puramente nozionale, mettendo a disposizione non soltanto la propria singola "disciplina", ma ponendola in sottotono, se necessario, come vero "laboratorio", aperto ad ogni indirizzo di ricerca.


Studenti e anche docenti non vanno ridotti a passivi spettatori di una "cultura organizzata", secondo criteri lontani dai loro reali interessi ed effettive possibilità di comprensione, e una riuscita didattica museale rimarrà sì necessario e insostituibile ma pur sempre "complemento" della scuola, aperto, accessibile e comprensibile a tutti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto di III classe, Natale 1953 - Luciano Russo e Bruno Panunzi, cuginetti e compagni di banco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo come "esperienza sociale" e motore di crescita culturale della società, applicando una "educazione attiva" del visitatore di qualsiasi età, ne riconosce il ruolo di protagonista del suo sviluppo e del modo di apprendere, promuovendone così "vera conoscenza" del patrimonio culturale e stimolandolo ad un "apprendimento significativo".

In tale contesto l’
interdisciplinarità è centrale, una modalità di ricerca sì, ma anche un salto di qualità nello studio della tutela del patrimonio culturale, questo non solo in chiave "museografica" o "protettiva", ma finalizzata ad un utilizzo socio-culturale e educativo dei beni, in azione di educazione permanente, soprattutto dei più giovani.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers