Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Materiali di documentazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Rapporto UNESCO World Education Report del 1995 indica come gli obiettivi principali dell'educazione:

 

- imparare a "conoscere", formarsi cioè una propria cultura generale

- imparare a "fare", apprendere una competenza professionale

- imparare a "vivere con gli altri", in termini di tolleranza, rispetto e capacità di cooperare

- imparare ad "essere", prendersi quindi le proprie responsabilità mantenendo autonomia di giudizio.
 

Tra i "servizi educativi" dei musei, come intesi nel progetto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali per la valorizzazione del patrimonio museale, dovranno rendere la visita più confortevole e interessante:

 

- accoglienza, guida e assistenza alla visita

- distribuzione di materiale informativo

- organizzazione di mostre e iniziative culturali

- editoria e vendita di cataloghi, materiali didattici, materiali informativi e riproduzioni di beni culturali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Pianta dell'Edificij Eretti dall' [...] del Sig.[nor] Duca D.[on] Baldassarre Odescalco

nel Suo Distinto Feudo della Città di Bracciano dall'anno 1709 su fino all'anno 1727

- mediante le nuove accque ritrovate nelle sue Macchie alla Fiora

e sotterraneamente e su archi in d[ett]o luogo condottate."

Foto dell'originale Luciano Russo (prima che fosse distrutto nel "restaurarlo"...)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per le scuole di tutti i livelli, soprattutto per i docenti, vengono previsti poi servizi particolari, tra i quali:

 

- formazione e aggiornamento degli insegnanti sul metodologie didattiche "attive", come la "pedagogia del patrimonio culturale"

- corsi su itinerari di vista, esistenti o da progettare

- "sportelli" di consulenza agli insegnanti per informazioni teorico-pratiche e di raccolta di loro suggerimenti sul miglioramento sulla didattica del museo

- creazione di documenti e materiali per l’Educazione al patrimonio culturale

- atti di convegni e saggi significativi per questo ambito di studio

- sito web con informazioni sulle raccolte e sulle attività educative del museo

- materiali facilmente scaricabili online da insegnanti, scuole e chiunque ne sia interessato.

 

 

Quindi tra le più importanti attività di qualsiasi museo il rapporto col pubblico, concepito come "comunicazione primaria" ed interazione a sostegno della quale dovrà intervenire con una molteplicità di mezzi, opportunamente pre-disposti, come "il" fattore determinante per la migliore riuscita di una visita d’istruzione.


L’
identificazione delle opere e "cartellini didascalici" assicureranno che ogni oggetto esposto abbia le informazioni essenziali per la sua identificazione, e, volentieri, un commento che, oltre a consentirne l’identificazione, ne giustifichi la presenza e ne indichi, pur molto sinteticamente, sia contenuto che "significato".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pannello del fabbro - Arnesi del "mastro ferraro" Carlo Pomponi nell'ultima ferriera di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Guide brevi", cioè materiali di documentazione di formato tascabile, arricchite con foto, illustrazioni e disegni didattici che ne favoriscano forme di apprendimento intuitivo, sono efficaci nel fornire al visitatore una prima idea pur sommaria del museo, principali riferimenti culturali e qualcosa della visita da portare con sé.


Cataloghi generali completi dei reperti e delle collezioni, certo molto più impegnativi sia dal punto di vista tecnico che da quello dei costi, possono essere destinati alla documentazione scientifica, ma anche ad un pubblico non di soli "esperti", chiunque voglia approfondire i contenuti e le tematiche che il museo propone.

 


Pannelli e "schede mobili" forniscono informazioni interpretative su particolari sezioni per una "lettura" più approfondita dei reperti e le collezioni, anche in più lingue, offrendo chiavi di lettura diverse con tavole cronologiche, piante, rilievi, documenti, citazioni, immagini a confronto, contestualizzandone gli elementi.

 

Delle postazioni multimediali possono con vantaggio completare gli strumenti educativi del museo, correndo però il rischio che la maggior parte dell'attenzione, soprattutto dei più giovani, si focalizzi sugli schermi più che sui reperti, quindi forse meglio farvi vedere trailer di proiezioni e materiale audiovisivo separatamente acquistabile.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers