Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo esteso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L' "eco"-museo Anni Settanta

Cultura materiale ed immateriale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano - Panorama del Centro Storico e il Lago

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un modo innovativo di mostrare il patrimonio naturalistico, storico e artistico, uno spaccato di vita tradizionale e attività lavorative del territorio, rappresentazione di una terra in tutte le sue sfumature - abitanti, cultura, ambiente e tradizioni del luogo - con cui gli abitanti stessi possono interagire come "fruitori attivi".

La risposta più immediata alla richiesta di
una musealità distribuita per la valorizzazione dei punti di forza di un territorio attraverso il riutilizzo di edifici storici, la protezione di ambenti naturali ed il recupero delle attività del passato altrimenti ormai in via di estinzione, introducendo nuove attività economiche agricole, artigianali e artistiche.

Si dimostrerà presto come
una delle forme più innovative nella difficile relazione tra conservazione e sviluppo, tra identità locale e turismo, tra passato e futuro, praticamente privo di limiti, anzi un'opportunità per (ri)scoprire e promuovere la zona attraverso attività che coinvolgano chi ne usufruisca, come percorsi interattivi adatti a tutte le età.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo "diffuso" Anni Novanta

Senza sede e senza pareti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Laghi di Bracciano e Martignano - Foto aerea

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutt'altro che quel "classico" luogo statico e asettico in cui la cultura è letteralmente messa su un piedistallo davanti ad utenti passivi e quasi in soggezione, le "quattro mura" della scatola museale che esplodono aprendosi alla Comunità e al territorio, alle proprie tradizioni e cultura, allora e così prende vita il museo "diffuso".

 

Un museo diffuso racconta quindi la "sua" gente ed il "suo" territorio a "temi", valorizzandone particolari aspetti caratteristici e distintivi, mai in conflitto con altre risorse culturali del sistema locale, al contrario armonizzandosi con loro, contribuendo a (ri)scoprirne ed evidenziarne potenzialità ancora non conosciute.

 

Racconterà così pezzi di storia "dimenticati", attiverà flussi turistici in luoghi "nascosti", coinvolgendo giovani e adulti con attività educativo-didattiche, chiamando alla partecipazione attiva tutta la Comunità nel riconoscere, tutelare e far conoscere la propria memoria collettiva nel rapporto con le risorse ambientali del territorio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo "esteso" oggi

Esplosione cognitiva percettiva sociale tecnologica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Laghi di Bracciano e Martignano nel loro circondario - Mappa emozionale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo tradizionale può anche "estendersi" alla sua Comunità locale interagendoci, "estendersi" all'intero territorio contestualizzandovisi, "estendersi" nella cooperazione con gli altri centri culturali lì presenti, biblioteca in primis, "estendersi" al nuovo e sconfinato mondo digitale attraverso abbastanza semplici strumenti.

 

Per offrire opzionali percorsi interattivi di approfondimento agli utenti, "estendersi" ulteriormente adottando la nuova "realtà aumentata", con l'utilizzo di codici "QR" che, tramite il proprio telefonino, permettano di accedere a speciali contenuti digitali sul Web, dedicati a luoghi, storia, geografia, cultura, arte, monumenti, collezioni e reperti.

 

 

La realtà cosiddetta "aumentata", o "mediata" da elaboratore, in un sistema di grafica interattiva offre flussi di immagini, testi e video in presa diretta, partendo quindi da realtà già esistenti, ne arricchisce la "limitata" percezione sensoriale grazie all’aggiunta di informazioni e contenuti digitali non percepibili attraverso i cinque sensi.

 

Iniziando dalla Bracciano a cavallo tra il XIX e il XX secolo, il focus si estenderà al suo circondario a partire dal XVII secolo e all'Europa del XVIII, illustrandone la quotidianità di una vita di lavoro attraverso utensili, arnesi, attrezzi, manufatti e memorie che rievocano mestieri tradizionali legati all'uso delle risorse naturali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers