Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano storica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il territorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Laghi di Bracciano e Martignano - Foto satellitare, Monti della Tolfa e Mar Tirreno a Sud-Ovest

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parte Sud del macro complesso vulcanico "Volsino-Cimino-Sabatino", Vico "il" vulcano, 600 mila anni fa il "sistema Sabatino" si articola su terre pianeggianti tra i Monti della Tolfa, quei rilievi vulcanici detti del "complesso Cerite-Manziate", ad Ovest, e i rilievi opposti, sedimentari calcarei, ad Est, cioè il Monte Soratte e i Monti Cornicolani.


Le
emissioni vulcaniche "esplosive" iniziano a Morlupo e Castelnuovo di Porto, per spostarsi poi a Sacrofano, ad Est della dorsale Baccano-Cesano, continuando così per oltre 200 mila anni, fino ad interamente coprire enormi areali a corona Nord di Roma, svuotandone la camera magmatica fino a causare il crollo tettonico di Bracciano.

 

 

Esauritosi il vulcanismo attivo 40.000 anni fa - vedi "Rocca Romana", "Vigna di Valle", "Lago di Martignano" e "Valle di Stracciacappa" - al sovrapporsi strato su strato di fasi geologiche costruttive seguiranno fenomeni erosivi molto complessi che per millenni continueranno a modellare un paesaggio, oggi di particolarmente difficile lettura.


Le
trasformazioni antropiche disboscheranno poi ogni zona piana e in leggera pendenza intorno al lago, sostituendovi l'agricoltura, e inoltre dreneranno i due bacini lacustri dell'alveo di Stracciacappa e la Valle del Baccano, bonificando molte delle zone stagionalmente allagate, come il "Lago Morto" e la Palude di Trevignano.

 

 

Questo habitat porterà a sviluppare una economia agro-silvo-pastorale durata per millenni, fino alla selvaggia urbanizzazione del nostri giorni, con l'acqua del Lago di Bracciano già bevuta nell'antica Roma, da cui l'acquedotto di Traiano, restaurato da Paolo V inizi Seicento divenendo "Acqua Paola", e l'odierna crisi.


Integro fino al Secondo Dopoguerra, il Lago
si inquina Anni Sessanta-Settanta con gli scarichi dei tre centri urbani e delle attività agricole, almeno fino a Anni Ottanta, quando un collettore circumlacuale viene realizzato e un depuratore, vietando noltre sia la navigazione a motore che l'uso di fertilizzanti e pesticidi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima presenza umana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lago di Bracciano, Località "La Marmotta"

Piroga monossile, ricavata cioè da un unico tronco di quercia, delle dimensioni di 10,5x1,08 m,

del VIII millennio, recuperata durante gli scavi archeologici subacquei del villaggio preistorico,

il quale, ad oggi, risulta il più antico insediamento neolitico rivierasco dell'Europa Occidentale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La presenza sul territorio di piccoli gruppi di cacciatori-raccoglitori è antica di almeno 300 mila anni, come testimoniato da strumenti del Paleolitico rinvenuti sul fondo del Lago di Martignano ed ancora del Paleolitico Superiore e Medio ed in Età Neolitica, VI-fine IV millennio aC, vi si costruisce un villaggio in Località "La Marmotta".


Nell'
Età del Bronzo (III- II millennio aC) delle particolarmente favorevoli condizioni naturali favoriranno poi l'insediamento di numerosi villaggi palafitticoli sulle rive del lago -  a Vicarello, Acquarella, Vigna di Valle, Bracciano - tutti oggi sommersi a causa delle notevoli variazioni del livello delle acque cui questo bacino è da sempre soggetto.

 


Nel
Periodo Etrusco il territorio sabatino subisce l'influenza politica e culturale dei due grandi centri di Vejo, ad Est, e Cerveteri, ad Ovest, con una necropoli a Trevignano Romano, oggetti preziosi da tutto il Mediterraneo e carri da parata, testimoniano la presenza di famiglie principesche che sfruttano le risorse agricole dell'area.


Dalla fine del IV secolo aC i Romani vi realizzano quindi importanti vie di comunicazione, anche riutilizzandone antiche, come la Via Clodia, terme, come le Aquae Apollinares Veterae e Novae, molte lussuose ville "residenziali" intorno al lago ed insediamenti agricoli produttivi o ville "rustiche", come Santo Stefano ad Anguillara Sabazia.

 

 

Proprio lungo la Via Clodia, circa 23 miglia o 37 km a N-O di Roma, ad occidente del Lacus Sabatinus, oggi Lago di Bracciano, sui pendii del colle della "Macchia della Fiora", l'insediamento di Forum Clodii, una delle stationes (sosta) o forse mansiones (sosta e ristoro), collegata a Nord del lago anche alla Via Cassia presso Vacanae, Baccano.


Sede vescovile da inizi
IV sec, Diocesi "Foroclodiense", poi insieme a quella di Manturanum, Monterano, da inizi VII sec, nell'area rimane la chiesetta dedicata ai "Santi Marco, Marciano e Liberato", VIII-XIX sec, una lapide di Età Augustea, che chiama il luogo Pausilypona, ed altre iscrizioni che nominano il Foro Clodiense.

 


Al
collasso finale dell'Impero Romano, l'insicurezza dei territori sotto frequenti invasioni barbare e le alternanze politiche provocano il totale abbandono degli insediamenti romani e la rinascita di piccoli centri abitati spesso sotto controllo e protezione dell'Autorità Ecclesiastica, la cui conoscenza è molto scarsa nell'Area Sabatina.

 

Con il fenomeno cosiddetto dell'"incastellamento", cioè la costruzione delle roccaforti di Bracciano, Trevignano Romano e Anguillara Sabazia e loro relativi "borghi", il territorio assumerà infine quelle le forme di limitata urbanizzazione conservate poi fino a tempi non lontani da noi, prima della criminale "villettificazione" del paesaggio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Medioevo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Castello Orsini-Odescalchi - La imponente fortezza-residenza dei Duchi di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il primo documento storico su Bracciano è del 1234, atto riguardante i confini dell'allora Castrum Brachiani, "luogo fortificato", nel Medioevo anche chiamato Brachianum, Brazanum, Brasanum o Barcenium, tutti nomi legati a "braccio", oggi sullo stemma del Comune insieme ad una rosa, simbolo questa della Famiglia Orsini.

Salvo qualche interruzione i
Prefetti Di Vico ne conserveranno la piena proprietà fino a tutto il XIV secolo, quindi il territorio andrà a passare alla famiglia Orsini, si suppone l'1 Settembre 1419, con l’assegnazione del Vicariato di Bracciano per un triennio da parte di Papa Martino V, possesso consolidato come feudatari della Chiesa.

 

 

È Napoleone Orsini che nel 1470 darà inizio ai lavori di costruzione del castello, un capolavoro di architettura militare e civile, ampliando la precedente rocca dei Di Vico, opera completata dopo la sua morte dal figlio Gentil Virginio, che chiama a decorarla Antoniazzo Romano, uno dei principali pittori romani di quel tempo.

Con Gentil Virginio Bracciano raggiungerà la sua
massima estensione territoriale, diventando così il più grande feudo dello Stato Pontificio, almeno fino a che Carlo VIII Re di Francia non scenderà in Italia, e lui, con altri a capo dell’esercito napoletano alleato di Papa Alessandro VI, invece di fermarlo a Nord di Roma, ve lo ospiterà.
 


Nel 1496, accusato il Gentil Virginio di tradimento e scomunicatolo, il papa muoverà guerra a Bracciano, a difenderla i coniugi Bartolomea Orsini e Bartolomeo d’Alviano (il bastione "della Sentinella" a modifica della cinta muraria) che non solo resisteranno all’assedio per mesi, ma a Soriano sconfiggeranno le truppe pontificie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Ducato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Ducatus Braccianus olim Sabatiae Regio" - Incisione di Jacomo Oddi, XVII secolo, Atlas Major

Lo storico Campagnia lo descrive composto di “sette terre” - Anguillara, Bracciano e Cerveteri (menzionate) più Campagnano, Formello, Monterano e Trevignano (non menzionate) - con feudi minori e tenute di Baccano, Bardella, Cantalupo, Castel Giuliano, Cesano, Galeria, Isola, Palo, San Gregorio, Saracinesco, Scrofano, Vicarello, cui verranno aggiunte Baccano, Ischia, Licenza, Monte Virginio, Oriolo, Pietraforte, Rota, Scarpa, Sorbo, Stigliano, Stracciacappe, e Viano, terre dei “cinque laghi di acqua viva”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel 1560 Paolo Giordano I Orsini, investito da Papa Pio IV "Duca di Bracciano", sposa la figlia del Granduca di Firenze, Isabella De Medici (matrimonio d’amore e morte "naturale" di lei!), il quale fa costruire il primo acquedotto impiantandovi anche le prime attività industriali - ferriere, arazzeria, tipografia, industria dello zolfo.

 

Bracciano conoscerà di conseguenza il suo forte sviluppo economico (dalla produzione degli arazzi Via dell'Arazzeria), reso possibile da una accresciuta disponibilità di acqua attraverso il nuovo acquedotto fatto costruire 1573-1575 dal Duca, ad attingere dalle sorgenti della Fiora, su cui la cappella Santa Maria della Fiora, oggi riscoperta.

 

 

È grazie allo sviluppo economico che il paese fine Cinquecento potrà arrivare a contare circa 700 famiglie, quindi 3.000-3.500 abitanti, ma le permanenti, anzi ora aggravate, difficoltà economiche degli Orsini alla fine li porteranno comunque a vendere Bracciano con il rango ducale, acquisiti fine Seicento dagli Odescalchi e tuttora mantenuti.


Degno di nota
Virginio II Orsini, figlio di Paolo Giordano I ed Isabella De Medici, educato alla corte medicea di Firenze, in contatto con il Re di Francia Enrico IV, sposo di sua cugina Maria De Medici, e la Regina Elisabetta I d’Inghilterra, il quale sposerà Flavia Damasceni Peretti e sua moglie arriverà a dargli ben undici figli...

 

 

Il gran numero di eredi e forti investimenti militari causeranno un forte dissesto della situazione economica della famiglia, già problematica - così uno dei figli di Virginio, anche lui Virginio, entrerà nell’Ordine dei Carmelitani Scalzi donando la terra sulla quale nel 1668 verrà costruito l’Eremo oggi appunto detto "di Montevirginio".


Dopo Virginio il figlio
Paolo Giordano II, colto, amante di letteratura e musica, prenderà in sposa Isabella Appiani, Principessa di Piombino, dai cui possedimenti il ferro lavorato nelle ferriere, ma senza alcuni decisivi miglioramenti per l'economia familiare, tanto è vero che nel 1696 Flavio Orsini sarà costretto a vendere il Ducato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dall'Ottocento in poi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Bracciano - Panorama"

L'asse di Via Principe di Napoli, già Via dei Cappuccini, vista dal Castello fino a Santa Lucia

A destra il "Villino Bresciani", in prospettiva dietro il Palazzo Comunale, 1925

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli Odescalchi manterranno la proprietà di Bracciano fino al 1803, poi, in difficoltà economiche, costretti a venderlo al Marchese Torlonia, ma con un patto di "jus redimendi", cioè la possibilità di riscattarlo, cosa che avverrà puntualmente nel 1848, grazie al matrimonio di Livio III con la ricchissima principessa polacca Sofia Branicka.


Diverrà un
centro di lavorazione di prodotti agricolo-forestali, botteghe artigiane, opifici - mulini, frantoi, cartiera, tipografie, ferriere, cantieri aeronautici e navali, importante centro studi e ricerca - prima Stazione Meteorologica in Italia, "Centro Sperimentale Idrovolanti e Armamenti", Idroscalo militare e Aeroscalo civile della Capitale... poi il nulla!
 

 

Atmosfere e fascino della ormai lontana civiltà contadino-arigianale-piccolo industiale - in un Catalogo museale e DVD con introduzione, cenni storici commentati, ampie spiegazioni e ricca fotoraccolta di utensili dei lavori agricoli, attrezzi artigianali, macchine industriali, oggetti di uso casalingo, abiti tradizionali, vedute storiche di luoghi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers