Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Museo Civico

della Città di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Chiostro degli Agostiniani nel complesso dell'ex Convento, oggi sede del Museo Civico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Inaugurato nell'aprile 2006, il primo della triade museale pianificata per Bracciano da Bruno Panunzi e Luciano Russo, quale valido strumento di conoscenza e valorizzazione della Città e del suo territorio, dei loro beni storico-culturale-artistici, dai primi insediamenti etruschi fino al XIX secolo, luogo di memoria identitaria collettiva.

Viene allestito nell'
ex Convento di Santa Maria Novella, ad affacciarsi sul cosiddetto "Chiostro degli Agostiniani", qui fino a fine XIX secolo da quando il complesso è fondato, per volontà del Cardinale Giordano Orsini, nel 1436, all'origine "fuori le mura", soltanto da fine XV secolo all'interno del nuovo sistema di fortificazioni cittadine.

Al centro del chiostro un
bellissimo pozzo ottagonale, rimasto a unica testimonianza della costruzione originaria, decorato con lo stemma a ricordo delle nozze nel 1553 di Paolo Giordano I Orsini con Isabella de' Medici, figlia di Cosimo I Granduca di Toscana, l'edificio ampliato più volte fino agli attuali volumi prima metà XVIII secolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Venere e Adone", dello scultore braccianese Cristoforo Stati, 1556-1619

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La proprietà dei reperti risulta soltanto in parte comunale (Comune di Bracciano) ed in parte statale (Fondo Edifici di Culto), ma in maggior parte ancora privata (Collezione Panunzi), con un percorso espositivo articolato attraverso cinque sale organizzate in due sezioni, la grande archeologica e la storico-artistica, con testimonianze anche sacre.

 

La Sala A ospita "La Comunità", poi la Sezione Archeologica, in ordine cronologico "L'Età Etrusca" nella Sala B e nella Sala C "L'Età Romana e Paleocristiana" (Forum Clodii), a seguire la Sezione Storico-Artistica, nella Sala D "La Committenza e gli Artisti" (Venere e Adone, Cristoforo Stati) e da ultimo "Testimonianze d'Arte Sacra" nella Sala E.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers