Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La millenaria

"Via delle Acque"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma rischia periodicamente un razionamento dell'acqua, battibecchi politici e cattiva gestione più che carenza di acqua le cause, così l'ex "Regina delle Acque", una città che vanta antichi acquedotti romani e fontane rinascimentali, dimostra A.D. MMXIX di essere meno capace di gestire le sue risorse idriche che già due millenni fa...

 

Nella descrizione e l'analisi giornalistica della ennesima "emergenza" non viene però considerato un fatto: Roma non sarebbe stata "Regina Aquarum" senza territori come quello di Bracciano, luogo delle acque per eccellenza con ben tre dei grandi acquedotti, in ordine cronologico l'antico Traiano, il Traiano-Paolo e quello Orsini-Odescalchi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'opus reticolatum dell'Acquedotto Traiano dal caput aquae a La Fiora

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Degli undici acquedotti della Roma antica, quello Traiano del 109 dC, o "Aqua Traiana", è il penultimo, al fine di fornire più acqua all'augustea Regio XIV Trans Tiberim, cioè il "Trastevere dei mulini", a sostituzione dell'Acquedotto Alseatino o "Aqua Augusta" del 2 aC, la cui acqua non potabile dal Lacus Alsietinus, l'odierno Lago di Martignano.

 

Molte le sorgenti nel bacino imbrifero del Lago di Bracciano o Lacus Sabatinus, con una rete di cunicoli fino al caput aquae de "La Fiora", o Santa Maria della Fiora, sui Sabatini a N-O, tra  Bracciano "Pisciarelli", Manziana, Oriolo e Vicarello, e terme antico-romane Aquae Apollinares Novae nel Vicus Aurelii - verso Trevignano Romano.
 


Passato
ad Est il Lago di Bracciano su basse arcate o interrato, dopo Anguillara Sabazia segue dapprima l'Arrone, incrocia l'Aqua Alsietina, sottoterra le antiche vie Clodia e Cassia e le attuali Pineta Sacchetti e Casale di S. Pio V, risbocca sulla Aurelia Antica, passa attraverso Villa Doria Pamphilij per poi terminare a Porta Aurelia.

Sabotato dai Goti di Vitige nel 537 e ripristinato dal generale bizantino Belisario, di nuovo tagliato di netto dai Longobardi di Astolfo nel 752, ripristinato da Papa Adriano I nel 772, restaurato da Papa Gregorio V nell'846, disattivo e riattivato più volte ad intermmittenza, fino al finale completo restauro di Papa Paolo V inizi Seicento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La pomposa "Mostra" dell'Acqua Paola sul Gianicolo, a dimostrazione dell'abbondanza d'acqua

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Insieme all'Acquedotto Felice fine Cinquecento, la cosiddetta "Acqua Paola" o Acquedotto dell'Acqua Paola è il secondo dei due acquedotti "rinascimentali" di Roma, in pratica restauro e, a tratti, ricostruzione di quello Traiano, quindi un totale "risanamento" quello ordinato da Papa Paolo V, iniziato nel 1605 e completato nel 1610.

 

L'acquedotto si snoda infatti, come già il Traiano, fino al Gianicolo, qui dando gran spettacolo con l'imponente Fontana o "Mostra" dell'Acqua Paola, presso Porta Aurelia ora Porta San Pancrazio, ma deviando in sotterranea verso i Giardini Vaticani e le fontane di Piazza San Pietro, invece di proseguire come prima a Colle Oppio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le quattordici Regiones della Roma augustea con il presunto tracciato dell'Acquedotto Traiano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel Seicento la Famiglia Orsini, proprietaria del Castello di Bracciano, vede nel modesto alimentatore idrico degli iniziali insediamenti romani tra i quali Forum Clodii, una fino ad allora molto sottovalutata fonte di energia, perfezionabile e sfruttabile a scopi produttivi, dalle ricadute economiche tutte a favore delle loro dilapidate finanze.

 

Acquisito il Castrum et Tenimentum Brachiani con la Rocca ed i suoi mille abitanti dai Baroni Prefetti di Vico prima metà Quattrocento, alla fine del secolo vi costruiranno il Castello fortezza-residenza e seconda metà Cinquecento poi il Feudo diventerà Ducato, ma dopo tre secoli per gli indebitati Orsini verrà comunque l'ora di (s)vendere...


 

Riscattati già a primo Seicento i diritti papali su acque e manufatti del Ducato, gli Orsini ci alimenteranno mole, mulini e una prima cartiera, ma decisivi saranno i lavori del Principe Baldassarre Odescalchi tra il 1709 ed il 1727, a completare e ampliare quelli avviati dieci anni prima dal padre, il lungimirante Principe-banchiere Livio.

 

Di antica famiglia comasca, all'accresciuto prestigio con l'elezione di Innocenzo XI, è proprio Livio I Odescalchi, poi Duca di Sirmio e Ceri, quello che rileva nel 1696 il prestigioso Ducato di Bracciano, alla fine messo all'asta dal papa dopo il dichiarato fallimento di Flavio Orsini, e quello che nel suo testamento chiaramente scriverà:

 

"Consiglio al mio erede per proprio avvantaggio

il seguitare e perfezionare gli edifici con l'acqua della Fiora

condotta da me con tanta spesa e pericolo

con li quali si moltiplicherà il popolo e l'abbondanza,

con duplicare l'entrata degli affitti"...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'Acquedotto Industriale Odescalchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quel nuovo acquedotto industriale, arrivato al bottino di Santa Lucia, proseguirà poi lungo la Strada dei Cappuccini, odierna Via Principe di Napoli, alimentando la nuova Cartiera e un mulino per il grano, i quali devono cominciare a risarcire gli Odescalchi di tutti gli investimenti già fatti e facilitargli quelli ancora da fare.

Scende
diritto fino alla futura ferrovia fine Ottocento, prima di deviare a sinistra verso le odierne Via San Francesco d’Assisi, all'altezza delle proprietà Bresciani XX secolo, e Via Cavour, all’antico Convento delle Monache, dove va a riempire il "bottagone" a cielo aperto, oggi campo da pallacanestro nei Giardini Pubblici.

 

 

In una torre di pressurizzazione precipita sulla strada per Trevignano Romano, la attraversa fino al forno fusorio o "Fornaccio" e la segue sottomuro ad un lavatoio ed alle ferriere, lungo Via delle Ferriere e Via della Catena, scavalca quest'ultima a un lavatoio-abbeveratoio, prima di irrigare gli orti di Via della Cisterna, giù fino al lago.

Un'
opera mirata, con un tracciato scandito fitto in rapida successione da quanti "opifici" può supportare, tutti azionati dall’acqua, poi alcuni, riconvertiti e adattati, produttivi fino a primi Novecento, altri scempiati in ville, uno soltanto resiste come dimenticata bottega in pensione dei fabbri ferraî Pomponi, ancora per quanto?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dall'Acquedotto Orsini-Odescalchi il logo del Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers