Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

"G. Bresciani"

 

Prima paginaBenvenutoAttività in corsoEventi speciali

Visita virtualeCollezioniDove come e quandoTeche e archiviMuseo esteso

Archeologia per tuttiVolontariSociSostenitoriRingraziamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Donazioni

e prestiti in gestione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I beni culturali vanno adeguatamente tutelati, conservati e valorizzati, quindi restaurati se e quando necessario, specialmente beni librari e documentari privati con valore di "civiltà", a carattere documentario, storico, artistico o bibliografico, come pure materiale fotografico pre-digitale, esposto al degrado della materia stessa.
 

Il "Codice di deontologia" ICOM - International Council of Museums per i musei, adottato all’unanimità dalla 15a Assemblea generale ICOM, riunita a Buenos Aires, Argentina il 4 novembre 1986, e poi modificato dalla 20a Assemblea generale riunita a Barcellona, Spagna il 6 luglio 2001, ne stabilisce degli standard minimi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Codice di deontologia dell’ICOM

per i musei

 

[...]


2. Princìpi fondamentali

per la conduzione di un museo


2.1
Standard minimi per i musei


L’Amministrazione responsabile di un museo ha il dovere etico di mantenere e potenziare tutti gli aspetti del museo, le sue collezioni e i suoi servizi.

In particolare, ha il compito di garantire che tutte le collezioni ad esso affidate siano adeguatamente custodite, conservate e documentate.

 

[...]

 

3. Acquisizioni

per le collezioni museali

 

3.1 Collezioni

 

L’organo di governo del museo deve adottare in forma scritta e rendere pubblici i criteri seguiti nella politica relativa alle collezioni.

[...]

Deve indicare chiaramente gli ambiti tematici delle collezioni e predisporre direttive volte alla conservazione perenne delle stesse.

Va inoltre definita una politica di acquisizioni che ne contempli esaurientemente i limiti e le condizioni (vedi § 3.5), nonché un limite all’acquisto di oggetti che non possano essere catalogati, conservati, immagazzinati né esposti in maniera adeguata.

[...]

Tutti gli oggetti devono essere acquisiti conformemente agli obiettivi definiti dalla politica delle collezioni e devono essere scelti nella prospettiva di una permanenza stabile e non di un’eventuale cessione.

[...]

Le nuove acquisizioni devono essere portate a conoscenza del pubblico in maniera costante e regolare.

 

3.2 Acquisizione di oggetti di provenienza illecita

 

Il commercio illecito di oggetti ed esemplari incentiva la distruzione di siti storici, di culture etniche e di habitat biologici; favorisce il furto a livello locale, nazionale e internazionale.

[...]

I musei devono essere consapevoli dei rischi di distruzione dell’ambiente umano e naturale e di perdita di conoscenze che risultano dal traffico illecito e dal mercato che questo alimenta.

[...]

Un museo non deve acquisire alcun oggetto o esemplare, mediante acquisto, donazione, prestito, lascito o scambio, senza che l’Amministrazione responsabile e il responsabile del museo si siano assicurati che il museo può ottenere una valida attestazione di proprietà.

 

3.3 Ricerca e raccolta sul campo

 

I musei devono assumere una posizione di chiara responsabilità nel porre freno al continuo degrado delle risorse naturali, archeologiche, etnografiche, storiche e artistiche del mondo.

[...]

Qualora il lavoro sul campo coinvolga una comunità esistente o il suo patrimonio culturale, le acquisizioni devono aver luogo solo sulla base di un accordo esplicito e reciproco, senza che vi sia sfruttamento del proprietario o degli informatori.

Si deve prestare la massima attenzione al volere della comunità interessata, che risulta determinante.

 

3.4 Cooperazione tra musei per l’attuazione di politiche in materia di acquisizione

 

I musei, le cui tematiche e politiche di acquisizione siano similari, devono riconoscere e accettare la necessità di collaborare e consultarsi.

[...]

I musei devono rispettare gli ambiti di raccolta degli altri musei.

 

3.5 Acquisizioni condizionate

 

Donazioni, lasciti e prestiti possono essere accettati solo se sono conformi con le politiche stabilite dal museo in materia di acquisizione ed esposizione.

Le offerte soggette a condizioni particolari devono essere rifiutate qualora le condizioni proposte siano giudicate contrarie agli interessi a lungo termine del museo e del suo pubblico."

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Società Operaia Bracciano

1878

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HomeWelcomeWhat's HappeningSpecial Events

Virtual TourCollection SamplesWhere How & WhenLearning CenterExtended Museum

Archaeology for AllVolunteersMembersWeb WeaversCredits

 

 

 

 

© Copyright 1989-2019 AlterEgo & Partners™, Stockholm, Sweden, with  Copyleft

for non-commercial use of original material if source | © | web URL | authors fully quoted

All rights reserved AlterEgo & Partners and The White Fly Publishers